Notizie

null Bottega dell'Ausilio: detenuti al lavoro riparano ausili per i disabili

Del 31/10/2015

Bottega dell'Ausilio: detenuti al lavoro riparano ausili per i disabili

"Atelier dell’Ausilio” è il progetto di inclusione lavorativa che vede all’opera sette detenuti del carcere di Lucera e quattro persone in affidamento ai servizi sociali, nel riparare e per rimetterli nel mercato carrozzine ed ausili per la disabilità. Il progetto è sostenuto dalla Fondazione “Con il Sud” attraverso l’iniziativa “Carceri 2013”, che coinvolge numerosi partner pubblici e privati.

Il lavoro dei detenuti – tutti assunti con contratti regolari – viene svolto nella “Bottega dell’Ausilio” del carcere e in un’officina della zona industriale di Cerignola; al servizio delle società e dei disabili, le persone destinatarie del progetto, con il loro lavoro, garantiscono unrisparmio della spesa per il servizio sanitario pubblico.

Sono previste inoltre, sia a Lucera che a Cerignola, attività di sensibilizzazione sui temi del carcere, dell’esecuzione penale, delle misure alternative alla detenzione. Presupposto ineludibile per un re-inserimento socio-lavorativo di successo delle persone detenute o in esecuzione penale esterna, è infatti una comunità solidale e accogliente. Saranno organizzati, quindi, 3 eventi rivolti in modo particolare agli studenti degli istituti di ogni ordine e grado, coinvolgendo le famiglie dei detenuti (circa 250) e i detenuti stessi sia nell'organizzazione, che come testimoni delle problematiche legate alla detenzione.

Prima di iniziare le attività vere e proprie ci sarà un percorso di orientamento e counselling individuale, formazione in aula e on the job, fino alla work experience, con la fase di start up e sperimentazione del processo produttivo dell’impresa sociale.

Parallelamente, sono previsti, per i detenuti e per le loro famiglie, attività di sostegno psico-sociale, con particolare attenzione per i genitori detenuti o in esecuzione penale esterna e per i figli, con l’attivazione di un Centro di Ascolto.

La conferenza stampa di presentazione del progetto si è svolta il 29 ottobre presso la sede del Consiglio regionale della Puglia a Bari, presenti il presidente dell’Assemblea regionale Mario Loizzo, il garante regionale delle persone soggette a restrizione della libertà personale Pietro Rossi, il provveditore per l’amministrazione della Giustizia in Puglia Giuseppe Martone, il direttore del carcere di Lucera Valeria Pirè, il dirigente della Sezione "Sicurezza del cittadino, politiche per le migrazioni e antimafia sociale" del PRAP Stefano Fumarulo e il direttore di Escoop, la prima società cooperativa europea, Marco Sbarra.