Notizie

null Rinviato "Viaggio in Italia: la Corte Costituzionale nelle carceri"

Del 19/02/2020

Rinviato "Viaggio in Italia: la Corte Costituzionale nelle carceri"

"Viaggio in Italia: la Corte Costituzionale nelle carceri" racconta l’incontro di sette giudici della Corte Costituzionale con i detenuti di sette Istituti penitenziari italiani: Rebibbia a Roma, San Vittore a Milano, il carcere minorile di Nisida a Napoli, Sollicciano a Firenze, Marassi a Genova, Terni, Lecce sezione femminile. Ad accompagnarli, l’agente di Polizia penitenziaria Sandro Pepe. Per la prima volta dalla sua nascita, nel 1956, la Corte costituzionale – giudice delle leggi e non delle persone, anche se le sue decisioni incidono profondamente nella vita delle persone – decide di entrare in Carcere.

Il Viaggio inizia a Rebibbia, con la partecipazione di 12 giudici e del Presidente Giorgio Lattanzi, alla presenza di 220 detenuti, pubblico e autorità istituzionali. Una diretta streaming consente di “esserci” anche a 11mila detenuti di altre carceri d’Italia, per seguire un incontro assolutamente inedito, che non ha precedenti non solo nella storia della nostra Repubblica ma neppure nel mondo.

Il film è il racconto dell’incontro tra due umanità, entrambe “chiuse” dietro un muro e apparentemente agli antipodi: da un lato la legalità costituzionale, dall’altro lato l’illegalità, ma anche la marginalità sociale. Attraverso la fisicità, l’ascolto, il dialogo, il “Viaggio” diventa occasione di uno scambio reciproco di conoscenze, esperienze, e talvolta di emozioni. Ma è anche metafora di un linguaggio che non conosce muri, e che anzi li attraversa, perché è il linguaggio (ritrovato e condiviso) della Costituzione, la casa di tutti, soprattutto di chi è più vulnerabile. L’incontro sarà destinato a cambiare lo sguardo dei protagonisti, non senza ricadute sulla loro quotidianità di donne e di uomini.

L’incontro Pugliese, alla presenza di Michele Emiliano - Presidente della regione Puglia e di Mario Loizzo - Presidente Consiglio regionale della Puglia porterà nell’Aula Consiliare un racconto molto spesso oscuro su una realtà negata o volutamente nascosta.

Donatella Stasio Responsabile della Comunicazione Corte Costituzionale introdurrà il docu-film

Alla fine della visione interverranno Daria de Pretis - Giudice della Corte Costituzionale, Paola Balducci – Docente in materie penalistiche presso l’Università degli Studi di Lecce e la LUISS di Roma (già componente del CSM) e Piero Rossi -  Garante regionale dei diritti delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà che ha sostenuto la realizzazione della giornata.