Documenti

null Monitoraggio delle forme di privazione della libertà nell’ambito della salute

18/07/2019

Monitoraggio delle forme di privazione della libertà nell’ambito della salute

Data: 9 luglio 2019 alle 12.26
Oggetto: sostituisce precedente - Trattamenti sanitari obbligatori: pubblicato il primo rapporto del Garante nazionale su un monitoraggio a un Servizio psichiatrico di diagnosi e cura (SPDC)

Trattamenti sanitari obbligatori: pubblicato il primo rapporto del Garante nazionale su un monitoraggio a un Servizio psichiatrico di diagnosi e cura (SPDC)

 

Roma, 9 luglio 2019 – Una competenza attribuita al Garante nazionale ancora troppo poco nota al grande pubblico riguarda il monitoraggio delle forme di privazione della libertà nell’ambito della salute, come ad esempio i trattamenti sanitari obbligatori, che vengono effettuati nei Servizi psichiatrici di diagnosi e cura (SPDC).

Il Garante nazionale a partire dallo scorso anno ha iniziato a condurre una serie di monitoraggi negli SPDC italiani, visitandone finora undici (quelli di Colleferro - Ospedale Parodi Delfino; Termoli - Ospedale S. Timoteo; Cosenza - Ospedale SS. Annunziata; Messina - Ospedale Papardo; Campobasso - Ospedale Cardarelli; Roma - Policlinico Umberto I; Catania - Ospedale Cannizzaro; Cagliari - Ospedale SS. Trinità con due SPDC; Oristano - Ospedale S. Martino; Nuoro - Ospedale San Francesco).

Il Garante nazionale ha pubblicato sul proprio sito web (alla pagina http://www.garantenazionaleprivatiliberta.it/gnpl/resources/cms/documents/71876d3c76863124b978516815212c04.pdf ) il primo dei Rapporti sulle visite effettuate, riguardante l’SPDC di Colleferro, nel Lazio.

Trattandosi della sua prima visita in un SPDC, il Garante nazionale aveva deciso, contrariamente alla propria prassi, di comunicare preventivamente il proprio arrivo alla Direzione della struttura. Nel corso della visita la struttura è apparsa adatta alla sua funzione dal punto di vista degli ambienti e degli arredi e gli operatori sanitari hanno prestato la massima collaborazione. Tuttavia, sia il personale medico che quello infermieristico, sono risultati sotto organico.

Nome documento Data
 monitoraggio.pdf
(dimensione:413Kb)

31/03/2020