Asset Publisher

null Bruno Mitrugno nominato Garante per i diritti delle Persone private della Libertà personale della provincia di Brindisi

Del 27/03/2020

Bruno Mitrugno nominato Garante per i diritti delle Persone private della Libertà personale della provincia di Brindisi

ll Garante regionale Piero Rossi ritiene provvidenziale e tempestiva la designazione di Bruno Mitrugno Garante per i diritti delle Persone private della Libertà personale della Provincia di Brindisi.

Bruno Mitrugno, già direttore della Caritas diocesana e punto di riferimento per l’accoglienza durante l’esodo albanese, ha sempre affrontato la dimensione della carità, della missionarietà, del volontariato, l’attenzione al mondo della sofferenza/fragilità e al mondo della cultura come comprensione della società e della vita.
“Ho già avuto modo di sentirlo  telefonicamente” riferisce Rossi“ e  presto lo incontrerò in occasione di una visita congiunta presso una delle realtà cui si indirizza la nostra comune attenzione per compiti d'Istituto. Segnalo che questa designazione, determinata dalla Provincia di Brindisi da vita all'attività in un contesto territoriale che costituisce un unicum.  Infatti in quell'area insistono il Cpr di Restinco, ove sono detenuti amministrativamente alcune decine di cittadini stranieri in attesa di rimpatrio forzato; la Rems di Carovigno che ospita una ventina di pazienti psichiatrici autori di reato; la casa circondariale di Brindisi, che soffre di sovraffollamento come tutti gli istituti di pena pugliesi, con i conseguenti forti motivi di preoccupazione per il pericolo di contagio da Covid 19."  

“Ho già avuto modo di sentirlo  telefonicamente” Riferisce Rossi“ e  presto lo incontrerò in occasione di una visita congiunta presso una delle realtà cui si indirizza la nostra comune attenzione per compiti d'Istituto. 
Segnalo che questa designazione, determinata dalla Provincia di Brindisi da vita all'attività in un contesto territoriale che costituisce un unicum.  Infatti in quell'area insistono il Cpr di Restinco, ove sono detenuti amministrativamente alcune decine di cittadini stranieri in attesa di rimpatrio forzato; la Rems di Carovigno che ospita una ventina di pazienti psichiatrici autori di reato; la casa circondariale di Brindisi, che soffre di sovraffollamento come tutti gli istituti di pena pugliesi, con i conseguenti forti motivi di preoccupazione per il pericolo di contagio da Covid 19."