Asset Publisher

null Le garanzie europee per i diritti procedurali degli arrestati

Del 20/05/2019

Le garanzie europee per i diritti procedurali degli arrestati

Negli ultimi anni, l'Unione Europea ha puntato molto sul potenziamento dei diritti di indagati e imputati nel procedimento penale, attraverso una serie di direttive. Gli oggetti delle direttive in questione sono: il diritto all'informazione di imputati e indagati (direttiva 2012/13) (lettera dei diritti e accesso al fascicolo), il diritto alla traduzione (direttiva 2010/64), il diritto all'assistenza legale (direttiva 2013/48) e il diritto al gratuito patrocinio (direttiva 2016/1919). Grande attenzione è data alle fasi della custodia cautelare e pre-cautelare, nonché al trattamento riservato ai soggetti vulnerabili (direttiva 2012/29 e 2004/80). Le garanzie, anche procedurali, sono il cuore del lavoro di Antigone, che negli ultimi anni ha esplorato questi temi con diverse ricerche. Queste da un lato hanno studiato l’aderenza della norma italiana alle direttive europee, e dall’ altro hanno visto il coinvolgimento, tramite la somministrazione di questionari, di giuristi, avvocati, giudici e procuratori nell’esplorazione delle prassi attualmente in uso.
La tavola rotonda vuole esporre sia i principali cambiamenti apportati alla normativa italiana per trasporre le direttive europee, che i risultati delle ricerche di Antigone sulla distanza fra la trasposizione italiana e le direttive, e fra le norme e le prassi. Si propone poi una discussione intorno ai nodi problematici e alle possibili soluzioni che intervengano sia a livello legislativo ma anche tramite regolamenti di livello secondario. 
La tavola rotonda organizzata dall’ Associazione Antigone Puglia con il patrocinio dell’Università degli Studi di Bari, si rivolge agli specialisti del diritto penale e proceduralpenale e avrà luogo mercoledì 22 maggio dalle ore 16.00 alle ore 19.00 nell’aula Contento dell’Università degli Studi di Bari. 
Dopo i saluti iniziali del professor Roberto Voza, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università ospitante, sarà il professor Ivan Populizio, Docente di Sociologia del Diritto a introdurre (e a moderare) la tavola rotonda. Maria Pia Scarciglia, avvocato e Presidente dell’Associazione Antigone Puglia, e Claudio Paterniti Martello, responsabile della ricerca sui diritti procedurali per l’Associazione Antigone, esporranno i principali risultati delle ricerche di Antigone e i nodi problematici legati alla normativa e alle prassi.
Interverranno:
Dott. Alessio Coccioli, Procuratore aggiunto presso Procura della Repubblica di Bari;
Prof. Filippo Bottalico, Docente di Diritto penale dell’Università di Bari;
Avv. Michele Laforgia e Presidente Ass. “La Giusta Causa”;
Avv. Gaetano Sassanelli, Presidente della Camera Penale di Bari;
Dott. Piero Rossi, Garante delle persone private delle libertà personale Puglia.